La Comunità Redancia Sud si propone come modalità di intervento, non esclusivo ma inserito in un più ampio percorso, per quelle condizioni di disturbo mentale che, data la loro gravità clinica o la carenza di supporto familiare e sociale o per altri motivi ancora, possano o debbano opportunamente fruire di una fase di terapia in ambito residenziale.

L’intervento terapeutico-riabilitativo attuato in Comunità è rivolto a persone adulte con disturbi psichici in particolare con disturbi psicotici e di personalità.
Tale intervento si inserisce in momenti diversi della storia di vita di ogni ospite: in una fase precoce del percorso di cura, al fine di evitare destrutturazioni e decadimenti più gravi; in una fase più avanzata per recuperare e potenziare le parti sane di una persona che presenta già da tempo una grave alterazione del funzionamento sociale.
In seguito alla richiesta di accoglienza, formulata da un Centro di Salute Mentale e/o da un’Autorità Giudiziaria, si effettua un incontro tra l’equipe della Comunità e la persona interessata per valutare l’idoneità dell’inserimento. Le principali variabili analizzate sono rappresentate dal quadro clinico, dalla disponibilità della persona ad intraprendere un percorso di cambiamento sostenuta da una consapevolezza più o meno completa dei disagi esperiti, dalla compatibilità con il contesto comunitario presente in un preciso momento.

TIPOLOGIA

Comunità terapeutiche per pazienti con patologie psichiatriche per adulti

GLI OBIETTIVI

La Comunità garantisce interventi terapeutico-riabilitativi a favore di persone che necessitano di un programma individualizzato che preveda per un tempo definito un abitare assistito. Quando la meta dell’intervento di comunità non può essere guarire da una malattia mentale diventa quella di equipaggiare la persona a vivere meglio nonostante la sua malattia promuovendo, in un ambiente adeguato, l’autonomia, la crescita personale e la capacità di adattamento, fornendogli i mezzi per sfuggire all’arrendevolezza seduttiva del ruolo di “bisognoso per sempre” che ogni giorno di più l’ambiente gli rimanda man mano che i tentativi di guarigione vanno a vuoto. Gli interventi riabilitativi allentano anche il carico familiare, prevengono le ricadute, riducono il ricorso all’ospedalizzazione.

FINALITÀ TERAPEUTICHE

Disturbi della personalità
Disturbi dell’umore
Disturbi psicotici
Schizofrenia

LE ATTIVITÀ

Oltre al trattamento farmacologico, psicoterapico individuale, agli interventi non strutturati, si svolgono le seguenti attività terapeutico-riabilitative:

 

All’interno della RSA, iniziativa promossa dal Ministero della Pubblica Istruzione, è presente un corso scolastico di gruppo condotto da un insegnante.

I parenti ed i pazienti stessi, partecipano al gruppo di psicoanalisi multifamiliare.

LA STRUTTURA

La Comunità, facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici, è allocata in un ex convento e circondata nella parte posteriore da un’ampia pineta, da alberi da frutto e terreni coltivabili.
Si articola su due piani e gli spazi sono organizzati in modo tale da garantire l’autonomia individuale, la fruibilità, la privacy e lo “stare insieme”.
Gli spazi privati sono organizzati in moduli composti da due stanze doppie con un servizio igienico in comune.

 

SPAZI COMUNI

Biblioteca
Palestra
Chiosco
5 salottini disposti sui 2 piani
Sala ceramica, restauro

MODALITÀ DI ACCESSO

La segnalazione e l’invio dell’ospite avvengono:

  • tramite il Centro di Salute Mentale
  • dall’interessato o dai suoi familiari
  • dall’Autorità Giudiziaria.

Negli ultimi due casi è necessario il coinvolgimento dell’ASP di competenza territoriale.

GLI ASSISTITI

Persone adulte con disturbi psichici in particolare con disturbi psicotici e di personalità. che, data la loro gravità clinica o la carenza di supporto familiare e sociale o per altri motivi ancora, possano o debbano opportunamente fruire di una fase di terapia in ambito residenziale.

Max 36

L’EQUIPE

Direttore Sanitario
Dott.ssa Rosa Maria Mesiti

Consulente Psichiatra
Dott. Angelo Bruno Carchidi

Coordinatore
Dott.ssa Marta Cantarella

Coordinatore territorio e attività
Dott.ssa Anna Carmela Cascelli

 

ACCREDITATO

COME RAGGIUNGERCI

Contatti

Largo Regina Elena, 88060 Sant’Andrea Apostolo dello Jonio (CZ)
0967 547818
info@redancia-su.it