Il Cicalotto

 

Provincia di Imperia

 

Tel.: 0183 497700  Fax: 0183499297  email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Direttore Sanitario:
Dott Dario Nicora
Direttore di comunità:
Dr.ssa Paola Buonsanti
Coordinatrice infermieri:
Dr.ssa Claudia Perlotti

 

“Il Cicalotto” è una struttura residenziale psichiatrica per interventi socio-riabilitativi SRP 3.1 (17 posti letto) e per trattamenti terapeutici-riabilitativi a carattere estensivo SRP 2 (40 posti letto, divisi in due moduli da 20) deputata alla cura e alla riabilitazione dei pazienti psichiatrici.

L’obiettivo della struttura “Il Cicalotto” è offrire trattamenti residenziali ad un’utenza caratterizzata da persone affette da patologie psichiatriche stabilizzate, che necessitano di ricovero di mantenimento e assistenza sanitaria a lungo termine.

Dove Siamo

Via Divina Provvidenza 3

18013 Diano Marina (IM)

Tel: 0183 497700  Fax: 0183499297  email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Visione

La visione della Direzione è che “Il Cicalotto” costituisca un centro per la cura delle diverse patologie psichiatriche, che coinvolga tutte le agenzie interessate alla cura del paziente (Spdc, Csm, strutture intermedie, medici di base, curanti privati, ecc.) e che permetta, attraverso un trattamento integrato, un più accurato inquadramento diagnostico, una programmazione terapeutico–riabilitativa e una valutazione prognostica.


Ubicazione e descrizione

“Il Cicalotto” si trova sul Capo Berta, nel Comune di Diano Marina, in Provincia di Imperia ed è facilmente raggiungibile col treno, con l’autobus - linea RT Andora-Imperia-Sanremo con fermata sulla via Aurelia – e con l’auto, con uscita dell’autostrada a San Bartolomeo oppure a Imperia Est.

La struttura è autorizzata dal Comune di Diano Marina e accreditata dal sistema ALISA Ligure.

La Struttura è affidata al CSS (Centro Scientifico Sanitario), che gestisce il servizio tramite la cooperativa sociale “La Redancia Onlus”, che ha sede legale in via Montegrappa 43/a Varazze 17019 (SV).

La struttura si sviluppa su cinque piani, quattro con vista mare ed è dotata di un parcheggio interno, di un’ampia area con giardino, è circondata da alberi di ulivo e palme, è dotata di un campo da tennis privato.

Al piano -1 la cucina è attrezzata con gli spogliatoi, i bagni e una grande sala mensa accessibile sia dall’esterno che dall’interno con ascensore e scale.

Al piano terra si trovano gli studi medici, l’infermeria, la segreteria, la sala riunioni, una piccola chiesa, un’ampia stanza per le attività ludiche/terapeutiche/riabilitative, un soggiorno con tv.

Al primo piano, su un ampio corridoio, si sviluppano le camere per un totale di 20 posti letto, ciascuna dotata di apparecchiatura per le chiamate interne e di bagni con docce. Il piano inoltre è dotato di soggiorno comune con tv e di bagno assistito per disabili.

Al secondo piano ci sono camere per un numero di 20 posti letto, anche queste con servizi di chiamata e bagni con docce. Al piano un soggiorno con tv e bagno comune.

Al terzo piano si trova la SRP 3.1 suddivisa in 3 moduli di 3, 6 e 8 posti letto. Il piano si divide in due unità abitative, dotate di cucina e di sala da pranzo. Le stanze sono singole o doppie con bagno.

Modalità di accesso

Per accedere alla struttura è necessaria una proposta di inserimento da parte del curante del Servizio di Salute Mentale, attraverso una relazione clinica.

La valutazione viene condotta attraverso una o più visite presso la struttura, dove vengono esaminati la situazione clinica, il livello di motivazione e il grado di accettazione del paziente delle regole comunitarie.

Il paziente visita la struttura, conosce i membri dell’èquipe e gli viene illustrato il regolamento.

Il programma terapeutico individuale viene concordato con l’inviante e condiviso con il paziente.

I pazienti seguono un programma terapeutico individualizzato, elaborato dalla “mini èquipe” di riferimento (medico, psicologo, educatore, infermiere).

Sono previste riunioni periodiche con i colleghi dei servizi invianti.