Comunità Terapeutica Palazzo Fieschi

 

Provincia di Genova

 

Tel.: 010 936673  Fax:  email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Direttore Sanitario:
Dr. Michele Solari
Direttore Comunità:
Dr. Luca Gavazza
Direttore Scientifico:
Dr. Giovanni Giusto

 

Nel Febbraio 2017 la Comunità Terapeutica Villa Caterina di Genova Prà si è trasferita presso Palazzo Fieschi.

Si tratta di una residenza d’epoca che si affaccia sulla piazza principale del paese. La ristrutturazione effettuata per trasformare la struttura, precedentemente adibita ad uso alberghiero, a luogo idoneo per l’utenza psichiatrica si è svolta nel massimo rispetto delle caratteristiche architettoniche del Palazzo, in modo tale che negli ambienti comuni si possa ancora respirare l’atmosfera nobiliare di un tempo.

Il piccolo paese di Savignone offre una quantità di servizi utili facilmente raggiungibili a piedi dalla struttura : posta, banca , cinema/teatro, biblioteca, sede Croce Rossa, bar e ristoranti. La collocazione collinare consente di godere della tranquillità del meraviglioso contesto naturalistico ligure.

La RSA Skipper si costituisce nell'ambito del più generale progetto Redancia che si propone di offrire un modello di intervento finalizzato al prendersi cura della sofferenza psicologica e della riabilitazione del paziente psichiatrico grave.

 

Dove Siamo

Il Fiocco Soc. Consortile A R.L.
Via Ghelfi, 14, 16010 Savignone (GE)
Tel. 010 936673 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La struttura è facilmente raggiungibile sia con automobile che tramite l’utilizzo dei mezzi pubblici.  

In automobile: Autostrada A7, uscita autostradale Busalla. Proseguire dritti per circa 10 minuti sino al Ponte di Savignone. Girare a sinistra percorrendo la strada in salita che raggiunge il centro del paese. 

Con mezzi pubblici: il paese è collegato alla stazione dei treni di Busalla e alla città di Genova da un servizio di autobus.

 

Chi curiamo

Palazzo Fieschi accoglie pazienti adulti affetti da patologie psichiatriche quali Disturbi Psicotici, Disturbi di Personalità, Disturbi dell’Umore. Alcuni ospiti hanno alle spalle lunghi anni di malattia mentre altri, più giovani, sono alla loro prima esperienza comunitaria.

I programmi terapeutici riabilitativi proposti vengono creati partendo dall’ascolto delle esigenze individuali degli ospiti e dall’analisi delle risorse di rete esistenti e seguiti da una mini-equipe composta da operatori con funzioni diverse, al fine di rendere la presa in carico il più possibile completa rispetto ai bisogni dei pazienti.

L’equipe utilizza il Redancia System, un modello psicodinamico integrato, a seconda delle esigenze, con modelli di tipo cognitivo-comportamentali e sistemici. Il programma terapeutico del paziente è registrato in una cartella clinica informatizzata che rende possibile estrapolare, in ogni momento del percorso, una fotografia dettagliata della situazione clinica.


La Struttura

La Comunità Terapeutica Palazzo Fieschi è ubicata in una residenza d’epoca a tre piani dotata di un grande parco adiacente alla struttura. 
La tranquillità del luogo, la gradevolezza e l’organizzazione degli ambienti costituiscono un contesto favorevole allo svolgimento dei programmi terapeutici. 
La struttura dispone di venticinque posti letto, organizzati in stanze singole o doppie. Ogni stanza è dotata di servizi privati e citofono per comunicare con il personale.  Sono, inoltre, presenti ampi spazi comuni, studi per colloqui psicoterapici e sale polivalenti per le attività terapeutiche. 
Dalle ore 9 alle ore 21 è a disposizione degli ospiti una rete wifi.
E’ prevista la presenza costante degli operatori, diurna e notturna, con una copertura sanitaria quotidiana.

 

Come accedere

Il percorso di ingresso prevede alcune fasi ed inizia con una proposta di inserimento inoltrata generalmente dai CSM e dai SERT. Si accettano invii dalla Regione Liguria, dai Dipartimenti fuori regione e dai privati.
La relazione clinica ricevuta, stilata dal referente esterno, dopo essere stata vagliata dai responsabili della struttura, viene proposta all'equipe allargata durante la riunione settimanale. 
Viene successivamente programmata la visita di conoscenza in comunità del paziente accompagnato dagli operatori che seguono il caso. Anche i familiari possono partecipare alla visita oppure possono separatamente avere un incontro con l’equipe.
Attraverso questo primo momento si valutano le motivazioni, il consenso, le esigenze di percorso terapeutico e l'adesione alle regole comunitarie. 
Verificata la congruità della richiesta la relazione viene inserita nella lista d’attesa.
Il momento precedente all'ingresso prevede lo svolgimento delle procedure amministrative a carico dell'ASl di competenza alla quale viene richiesta un'impegnativa di spesa. 
L'ingresso prevede un "periodo di osservazione" solitamente della durata di un mese. In questa fase vengono individuati gli operatori di riferimento (mini -equipe): medico psichiatra, psicologo, infermiere, educatore. Se il paziente all’ingresso assume una terapia psicofarmacologica questa viene valutata dal medico curante e solo se opportuno modificata. Viene effettuata un'ipotesi di progetto terapeutico personalizzato individuandone finalità ed obiettivi. 
Se in questa fase di osservazione si riscontra da parte dei curanti una risposta positiva del paziente inizia il percorso terapeutico che prevede interventi  in ambito psicoterapico, educativo comportamentale, riabilitativo sociale, medico-farmacologico.